Crema delicata con cannellini all'arancia e cous cous

Ma siamo sicuri di essere in primavera?

Visto questo tempo grigio e umido, stasera mi sono scaldata con una crema di verdure aromatizzata all’arancia.

La dolcezza della zucca stemperata dalla nota acidula dell’agrume, ha creato un sapore molto gradevole e delicato.

Ho abbinato, come cereale, un cous cous integrale ma si può accompagnare anche con riso integrale o miglio.



Ingredienti:

1 scalogno
2 carote
2 fette di zucca
1 foglia di alloro
1 tazza di cannellini cotti
Succo di ½ arancia
Brodo q.b
Mezzo bicchiere di cous cous
Olio evo

Procedimento:

Rosolare lo scalogno in olio con un pizzico di sale, aggiungere la zucca, le carote, l’alloro e i cannellini cotti, lasciar insaporire poi coprire a filo con bordo vegetale. Lasciar cuocere a fiamma bassa per una decina di minuti poi frullare e aggiungere il succo di arancia.
A parte versare mezzo bicchiere di acqua calda e leggermente salata sul cous cous e lasciarlo riposare per circa 10 m.
Servire la crema di verdure e posizionare al centro un cucchiaio di cous cous e un filo di olio.

Occhio di bue

Spesso nelle varie pubblicità trasmesse in tv, passa sempre il messaggio che i biscotti sono buoni in quanto contengono uova, burro, latte, farina e zucchero.
In realtà uova burro e latte utilizzati dalle industrie alimentari sono prodotti derivati dagli allevamenti intensivi e, di conseguenza, contengono antibiotici e altri farmaci che somministrano agli animali.
Il dolcificante utilizzato è uno zucchero bianco raffinato che crea problemi di acidità, dipendenza, innalzamento della glicemia, osteoporosi ecc.
La farina è sempre raffinata (come la 00) che, a parte non conoscerne la provenienza, porta con sé tutti i problemi dei prodotti raffinati.

E allora se ci viene voglia di un buon biscottino come facciamo? Semplice...ce lo facciamo noi!!

E quali sono i vantaggi?

• Sono veloci da fare
• Scegliamo noi gli ingredienti
• Usiamo solo materia prima di prima qualità e bio
• Usiamo solo ciò che è presente in natura nella sua forma integra
• Creiamo un prodotto nutriente, buono e leggero

Partendo da una frolla vegana si possono fare questi buonissimi biscotti chiamati OCCHIO DI BUE che possiamo farcire con una composta di frutta senza zuccheri aggiunti.


Ingredienti:

200 gr di farina monococco
50 gr di farina mandorle
1 cucchiaino di polvere lievitante per dolci
Un pizzico di sale
Scorza grattugiata di 1 limone
2 cucchiai di malto di riso
4 cucchiai di olio di mais
Latte di riso qb
Composta di albicocche

Procedimento:

In una ciotola unire le farine, un pizzico di sale, il lievito e la scorza del limone.
A parte miscelare l’olio e il malto.
Aggiungere i liquidi alle farine e, aiutandosi con il latte, formare un panetto e lasciarlo riposare in frigo per almeno 30 minuti.
Stendere la frolla, poi con un coppapasta rotondo, ritagliare dei cerchi. Dai biscotti ottenuti, prelevarne metà e, con un coppapasta più piccolo, praticare un buco al cento. Bucherellare con la forchetta il biscotto che farà da base e infornare a 180 per 10-15 minuti. Lasciarli intiepidire.
Sui biscotti interi spalmare la composta e sovrapporre l’altro biscotto premendo leggermente. Spennellarli con una miscela ottenuta con 1 cucchiaino di malto e 1 di acqua e spolverizzare con cocco.

corso di cucina



Sabato 17 Marzo presso #chefpercaso un incontro dedicato alle torte salate e quiche.
ERBAZZONE, QUICHE DI CAVOLI, TORTE DI VERDURE, MEZZELUNE AL FORNO E ALTRO ANCORA.
Saranno utilizzati solo prodotti 100 % vegetali, biologici e di stagione. Senza uova, latte e burro.
Info e prenotazioni allo 010. 24703659 o info@chefpercaso.it

Il riso integrale



Il riso integrale è il cereale più equilibrato e salutare che esista.
Sabato 24 Febbraio dedicheremo un incontro a questo alimento così prezioso.

Dalla semina al raccolto, per conoscere tutte le fasi della sua crescita.
Gange, Baldo, Carnaroli, Roma, Arborio, scopriamo le differenze tra i vari tipi di riso, il loro utilizzo e le proprietà.

Sarà un incontro teorico e pratico in cui prepareremo:
- la minestra di piselli con riso rosso ai semi
- il riso integrale saltato con tempeh al profumo di primavera
- il risotto all'arancia in "rosa"
- il riso venere agli anacardi
- la crostata con riso dolce

Per info e iscrizioni 010.2470359 info@chefpercaso.it

Vegano o Macrobiotico?


Spesso mi chiedono qual è la differenza tra l’alimentazione macrobiotica e quella vegana.

La macrobiotica, oltre alla scienza della nutrizione, considera anche l’aspetto energetico del cibo. Lo yin e lo yang sono energie opposte e complementari e, quando sono in equilibrio, creano una situazione di salute e benessere.

Questo piatto è a base di FARRO INTEGRALE CON CECI E VERDURE. In apparenza potremmo definirlo un piatto a base di cereali in chicco con legumi e verdure per cui un piatto vegan, ma c’è molto di più.

Il FARRO e il CAVOLO NERO appartengono all’elemento Legno, ciò significa che il Fegato è l’organo che trae beneficio da questi alimenti.

I CECI e le CAROTE appartengono all’elemento Terra, cioè nutrono lo Stomaco e la Milza/Pancreas.

Ecco che stimolando Legno e Terra si crea un piatto curativo che stimola la funzione di 2 energie importanti. Ma anche le altre energie non vanno trascurate e, di conseguenza, ho messo qualche goccia di ZENZERO che tonifica l’elemento Metallo, un po’ di SESAMO che sostiene l’elemento Fuoco e l’ALGA NORI che nutre l’Acqua e di conseguenza i Reni.

Solo con lo studio della Medicina Tradizionale Cinese e della Macrobiotica possiamo intervenire sulla nostra energia e sulla nostra salute.
Ogni piatto dovrebbe essere creato e cucinato con questa consapevolezza sapendo che c’è un’alimentazione base che va bene per tutti a base di cereali, legumi e verdure ma, per ripristinare una situazione di squilibrio, il cibo dovrebbe essere personalizzato in base alla nostra costituzione e condizione.

Torta di mele allo yogurt

La torta di mele è un dolce classico che piace a tutti, grandi e piccini.
È il dolce ideale per ogni momento…per la colazione, per la merenda ma anche per un dopo cena.
L’ho presentata in occasione dello showcooking che ho tenuto a Vigevano al Vivi Bene Benessere ed ha avuto un grande successo.
Morbida, profumata, dolce quanto basta….
Un dolce sano, vegan, senza grassi saturi che non crea problemi alla nostra salute e appaga il nostro palato.


Ingredienti:

250 gr di farina monococco
1 bustina di polvere lievitante per dolci
Un pizzico di sale
3 cucchiaini di amido di mais o kuzu
4-5 cucchiai di bevanda vegetale di riso integrale
5 cucchiai di malto di riso
50 ml di olio di mais
250 gr di yogurt di soia al naturale
Scorza grattugiata di 1 limone
2 mele
1-2 cucchiai di marmellata

Procedimento:

Diluire l’amido o il kuzu con il latte vegetale sbattendo velocemente il composto con la frusta, aggiungere il malto, l’olio, lo yogurt e la scorza. A parte mettere in una ciotola la farina, un pizzico di sale, il lievito e unire ala parte liquida amalgamando con un cucchiaio al fine di ottenere un composto fluido. Versare in teglia oliata e infarinata. Tagliare le mele a fettine e inserirle nell’impasto. Spennellare la superficie con marmellata e infornare a 180 per circa 50 minuti (vale sempre la prova stecchino).

Crespelle di farro e castagne al forno

A chi non piace la pasta al forno?
Quando si apre il forno e si estrae una teglia di pasta calda e fumante, beh….è subito festa..
Questo primo piatto può essere un’idea da presentare agli ospiti, sicuri di fare un figurone.



Ingredienti:

100 gr farina semintegrale di farro
30 gr farina castagne
200 ml latte di soia o di avena
30 ml acqua
Sale
Mezza cipolla
1 cavolo romanesco
Pinoli
Uvetta
Per la besciamella:
½ litro di latte vegetale
2 cucchiai di farina
2 cucchiai di olio
Pangrattato

Procedimento:

Unire la farina di farro e la farina di castagne, un pizzico di sale, il latte, l’acqua, fare la pastella e lasciar riposare 1 ora.
Preparare la besciamella facendo un roux con l’olio e la farina, poi aggiungere il latte caldo, rimettere sul fuoco e far bollire per 5 minuti aggiungendo alla fine sale e noce moscata.
In una piccola padella antiaderente calda, mettere 1 mestolino di pastella e cuocere per qualche minuto da ambo i lati.
Scottare le cimette del cavolo poi insaporirle in padella con la cipolla, i pinoli e l’uvetta precedentemente ammollata. Frullare la verdura aggiungendo qualche cucchiaio di besciamella.
Mettere 1 cucchiaio di farcia sulle crepes, piegarle in 2, posizionarle in una teglia ricoprendo con besciamella e pangrattato.
Infornare a 180 per 20 minuti.